Superbike Qatar – Jonathan Rea vince e scrive la storia

Jonathan Rea scrive record su record. Dopo aver superato Troy Bayliss nella classifica delle vittorie in Superbike grazie al successo in Gara 1 (che gli ha permesso di salire a quota 53), il Cannibale nordirlandese si è ripetuto in Gara 2 e questa impresa gli ha permesso di salire a quota 556 punti in campionato battendo così il precedente record di punti in una stagione, rappresentato dai 552 punti ottenuto da Colin Edwards nel 2002. Rea chiude così una stagione che lo ha visto ottenere 15 vittorie e altri nove piazzamenti sul podio in 26 gare e l’impressione è che niente e nessuno possa fermarlo…

Dietro di lui secondo posto in gara e in campionato per Chaz Davies. Il pilota gallese della Ducati è stato protagonista di un inizio di gara fenomenale che lo ha visto partire dalla terza fila in virtù dell’inversione della griglia e portarsi in testa già alla seconda curva, ma al terzo dei 17 giri previsti ha commesso un errore in uscita dalla curva 14 e questo ha permesso a Rea, che nel frattempo era risalito fino al secondo posto, di prendersi la testa della corsa e non mollarla più fino alla fine. Per Davies resta comunque la consolazione del secondo posto in campionato a quota 403 punti davanti a Tom Sykes, finito a terra dopo pochi giri.

Dietro a Rea e Davies il podio è stato completato da un Alex Lowes riscattatosi dopo le due cadute di Gara 1 e terzo con la Yamaha. Quarto posto per il compagno di squadra di Lowes Michael van der Mark, mentre Marco Melandri ha tagliato il traguardo in quinta posizione davanti alla Ducati del team Barni guidata da Xavi Forés. Settimo posto per Eugene Laverty, partito bene con la sua Aprilia ma poi calato col passare dei giri, mentre a chiudere la top 10 troviamo Sylvain Guintoli, Leon Camier e Román Ramos.

Amarezza per il problema tecnico che ha fermato Lorenzo Savadori, che era comunque finito indietro in classifica dopo un lungo alla prima curva, mentre queste sono le posizioni degli altri italiani: 11° Raffaele de Rosa, 13° Alessandro Andreozzi e 15° Roberto Rolfo. Non ha preso parte alla gara Davide Giugliano, fermato da una gastroenterite.