Arriva il via libera dalla FIA per le LMP1 ‘Hypercar’ dal 2020/21!

Preparatevi ad una marea di ricordi. La FIA, al Consiglio Mondiale organizzato qualche giorno fa, ha dato il via libera alle nuove regole per la classe regina del WEC, la LMP1, per il 2020/21. I dettagli non sono ancora noti, ma pare ormai che i prossimi prototipi dovranno essere basate sulle Hypercar che le case produranno. Un risultato frutto delle pressione di costruttori importanti come Porsche, Toyota, Ferrari, McLaren, Ford e Aston Martin, che grazie a vetture come LaFerrari, 918 o Valkyrie, possono sfruttare a pieno il loro know how. La decisione verrà annunciata la mattina del venerdì 15 giugno, nella giornata di riposo della 24 ore di Le Mans.

Le LMP1 ‘hypercars’ potrebbero contare su un budget ridotto rispetto agli attuali prototipi. Jean Todt infatti ha confermato di essere al lavoro di ridurre le spese di circa il 40%. Tuttavia non esclude che la propulsione ibrida non possa ricomparire anche sui nuovi prototipi. Anzi, la preferenza è che non si pongano ostacoli all’utilizzo delle energie alternative. Ma le attuali endotermiche non verranno dimenticati: nella stessa giornata dovrebbero infatti annunciare il rinnovo per un bienno delle regole attuali. Tra le altre modifiche da annunciare la durata della corsa di Sebring che sarà ridotta da 1500 miglia a 1000 miglia.

Questo tipo di regole non fa altro che pensare alle GT1 degli anni 90. Nell’epoca d’oro di questa classe, erede delle Gruppo C, avevamo visto in pista macchine che sono entrate nella storia della 24 ore e del motorsport. Vetture come la McLaren F1 GTR Long Tail con motori BMW, la Porsche 911 vincitrice nel 1998, la ‘eterna seconda’ Toyota GT-One o ancora la Mercedes CLR o la Nissan R390. Nessun problema per chi non ha hypercar prodotte: si possono anche usare delle concept car.