I.D. R Pikes Peak: alla caccia del record!

La Volkswagen I.D. R Pikes Peak è un bolide elettrico che minaccia di “mordere” la strada. “I.D.” rappresenta naturalmente la nuova generazione di auto elettriche della Volkswagen. Il motore da 680 cavalli è stato progettato per battere il record per veicoli elettrici della pista di Pikes Peak, pari a 8 minuti e 57 secondi.

Il percorso è di 20 km, con 1.440 metri di dislivello tra la cima, posta a 2.862 metri sul livello del mare (la linea di partenza della Hillclimb), e i 4.032 metri dell’arrivo.

Il nuovo bolide elettrico VW si propone di battere questo record non attraverso la “forza bruta” ma raggiungendo un rapporto potenza-peso ideale. Il precedente record appartiene alla supercar lettone eO PP100, auto più pesante (circa 1200 kg a fronte dei circa 1100 dell’I.D. R, pilota compreso) ma, soprattutto, con molti più cavalli: ben 1596.

Unendo tutto questo a un’aerodinamica potenzialmente migliore (l’auto VW è più vicina a un’auto di Le Mans rispetto ai soliti bolidi impegnati in percorsi di montagna), il risultato è un veicolo elettrico che può superare le auto da corsa più veloci.

Con un tempo di 0-60 MPH (0-97 km/h) pari a 2,25 secondi, Volkswagen afferma che la sua macchina riesce ad accelerare più velocemente di una Formula 1 o una Formula E. Questo potrebbe essere fondamentale sul Pikes Peak, dove la velocità massima conta molto meno rispetto al recupero della velocità.

Il risparmio di peso proviene in parte dalla rigenerazione dell’energia. Mentre molti veicoli elettrici recuperano energia durante la frenata, il sistema Volkswagen riesce a produrre circa il 20 percento dell’energia necessaria attraverso la sola frenata. In altre parole, non vi è necessariamente il bisogno di una batteria gigante per arrivare in cima.

L’I.D. R Pikes Peak debutterà nella gara del 24 giugno. Non vi è naturalmente la certezza che il bolide Volkswagen possa battere il record, dal momento che molti dipenderà dalla presenza o meno di condizioni meteorologiche ideali sia da una prestazione eccezionale della vettura e del pilota Romain Dumas (tricampione di Pikes Peak).

Frank Welsch, membro del CdA di Volkswagen ha commentato: «L’obiettivo di Volkswagen è di raggiungere il vertice della mobilità elettrica con la famiglia I.D.. L’impegno nella Pikes Peak non solo fissa la tendenza di quello che sarà il nostro futuro nel motorsport, ma riveste un grande significato simbolico, nel senso più puro. I clienti hanno sempre tratto beneficio dai riscontri ottenuti nelle competizioni e ci aspettiamo di raccogliere questi dati e usarli nello sviluppo dei futuri modelli I.D.. La scalata alla Pikes Peak sarà la prova del nove per la propulsione elettrica».

La vera sfida potrebbe essere quella di battere il record della classe Unlimited, pari a poco meno di 8 minuti e 14 secondi, stabilito nel 2013 con una Peugeot 208 modificata. Mentre i veicoli elettrici modificati sono già più veloci delle tradizionali auto Pikes Peak (i cui tempi si aggirano intorno ai 9 minuti e 30 secondi), probabilmente ci vorranno ulteriori innovazioni in termini di risparmio di potenza e di peso per dare ai veicoli elettrici il vantaggio generale delle prestazioni.