WEC, 6H Fuji: Toyota #8 di Alonso in Pole dopo la squalifica della vettura gemella

Negata la prima fila tutta nipponica dopo l'esclusione della TS050 #7. Aston Martin in Pole nella GTE Pro mentre le Ferrari sono nella mischia

Mike Conway, José Maria Lopez e Kamui Kobayashi avevano fatto il miglior tempo medio nelle qualifiche della 6 ore del Fuji. Tuttavia, è stato scoperto dopo la sessione che l’argentino aveva superato il limite di velocità nella pit-lane. Questo ha di fatto causato la cancellazione del tempo per la Toyota TS050 #7 e le relegazione al fondo della griglia. Ad andare in Pole per la gara del WEC sarà quindi la vettura #8 di Alonso, Buemi e Nakajima.

Dietro la casa nipponica c’è il vuoto, come era prevedibile: le due Rebellion #1 e #3 sono 2° e 3° come le uniche LMP1 endotermiche sotto il secondo di distanza dalla Toyota. A seguire troviamo le SMP Racing con la #17 davanti alle #11 di Button, poi la ByKolles e la Dragonspeed come ultime della classe. Le Ginetta Manor hanno dato forfait totale per il round di Fuji e rischiano di non correre più per il resto della Superseason WEC.

Nella LMP2 è la Oreca #31 della Dragonspeed di Maldonado, Gonzales e Davidson a conquistare la pole con il tempo medio di 1:28.906. La compagine si mette alle spalle le due Oreca #37 e #38 della Jackie Chan DG Racing, che si pono piazzate 2° e 3°. Dietro di loro in quarta posizione c’è la Alpine che nel week-end ha ricevuto il trofeo di vincitore della 24 ore di Le Mans dopo la squalifica della G-Drive (scopri).

Nella classe GTE Pro è la Aston Martin #95 di Sorensen e Thiim ad aggiudicarsi la Pole con il tempo medio di 1:36.093. Ottima qualfica da parte della casa inglese che piazza anche la Vantage #97 in terza posizione. Nel mezzo la BMW #82 con due ottimi Da Costa e Lynn, mentre le Ferrari #71 (Bird-Rigon) e #51 (Pier Guidi-Calado) sono rispettivamente 5° e 6°. Male le Porsche #91 e #92, solo 8° e 10°dopo queste qualifiche.

In GTE Am va in Pole la Porsche #88 della Dempsey-Proton Racing con Hoshino, Roda e Cairoli. Dietro di loro troviamo la Aston Martin #98 e l’altra 911 Dempsey-Proton. Indietro qui le Ferrari, con la migliore 488 che è in 6a posizione con la #61 della Clearwater Racing.