WEC, ecco le regole della classe ‘Hypercar’ valide dal 2020

Andiamo a conoscere nel dettaglio le regole tecniche per la futura classe regina del mondiale endurance

Durante questa settimana il Consiglio Mondiale del motorsport ha approvato i cambiamenti per le prossime stagioni del WEC (World Endurance Championship). Essi coinvolgono sopratutto la classe regina del mondiale, la LMP1, che dal 2020/21 sarà sostituita da una nuova dedicata alle Hypercar che durerà almeno fino al 2025. Il costo già dichiarato è quello di 20 milioni di euro per far correre due auto mentre la propulsione ibrida (MGU-K) verrà mantenuta a costi ridotti, con i costruttori che possono noleggiarlo a non più di 3 milioni di euro a stagione.

La vettura, che avrà un design simile alle auto stradali come nella classe DPi dell’IMSA, avrà una vita di 5 anni e sarà dotata di aerodinamica attiva. In dettaglio, ci saranno due dispositivi mobili (uno all’anteriore e uno al posteriore) che possono essere controllati dal pilota in gara. Il valore di efficienza, che sarà valutata in galleria del vento da FIA e ACO, dovrà essere di circa 4.00 (più bassa di una LMP2 e più simile appunto ad un auto di serie).

Riguardo al motore da usare, si pensava inizialmente che tutti i motori usati dovevano essere derivati dalla produzione di serie. Invece si può creare anche un motore da corsa, ma averne uno di serie comporta diversi vantaggi, come il collegamento del motore termico alle ruote posteriori e il sistema ibrido alle ruote anteriori. Per omologarlo, 25 auto dovranno essere prodotte con esso entro la fine dell’anno (100 entro i due anni). La potenza sarà di 520kw (700 cavalli), mentre quella del MGU-K sarà di 200 kw (270 cv).

Tra le altri importanti novità della classe, ci sarà un nuovo sistema di zavorre nominato ‘Success Ballast’. Esso consiste in penalità di peso per i vincitori della gara, con 5 kg in più per ogni vittoria fino ad un massimo di 50 kg. Tali zavorre saranno però azzerrate per la 24 ore di Le Mans, che sarà la gara conclusiva della stagione 2020/21. Il ‘Success Ballast’ sarà implementato anche sulla classe GTE-Am già dalla prossima stagione.