WRC, Rally Monte-Carlo: Ogier conduce su Neuville dopo il venerdì, Tanak arretra!

I due leader sono separati da due secondi alla fine della seconda giornata. L'estone perde tempo per un cambio gomme, ritiro per Lappi

Sale in cattedra il re del Rally Monte-Carlo Sébastien Ogier? Siamo solo al venerdì, ma il transalpino della Citroen è stato il grande protagonista della seconda giornata di questo evento, andando a prendere, dopo la prima vittoria di tappa per la casa francese, la testa della gara. Un ottimo risultato al termine di una giornata che, a causa delle condizioni meteo (Seb stesso dirà che era molto scivoloso l’asfalto oggi), s’è rilevata caotica.

Partiamo appunto da Ott Tanak: l’estone della Toyota, dopo le prime due speciali del giovedì, non si è ripetuto e anzi, è finito nel costringersi a cambiare una gomma durante la SS5. Un’operazione eseguita senza alcun problema che però ha fatto perdere secondi preziosi al pilota sulla Yaris che ora occupa la settima posizione, distante 2 minuti e 34 secondi dal leader.

D’altro canto, Thierry Neuville vuole confermarsi come il rivale N.1 di Ogier. Dopo un inizio di giornata in sordina, il belga riesce a tenere il passo e poi a recuperare terreno sul francese Citroen, fino ad arrivare a soli due secondi di ritardo a fine giornata. Questo conferma la competività della i20, che occupa anche la terza piazza del podio provissoria con Andreas Mikkelsen (1:17.7 di ritardo dal leader).

In quarta posizione abbiamo Jari-Matti Latvala, poi è il turno di un buon Sébastien Loeb che dopo essere stato penalizzato dalle condizioni della strada, riesce a recuperare parte del gap e a tornare in lotta per il podio. 20 secondi più indietro troviamo la prima Ford di un buon Elfyn Evans che precede i due della Toyota Tanak e Meeke. La prova di quest’ultimo oggi è stata condizionata da un danno nella SS7 che si è portato dietro per la SS8.

Peggio va ad Esapekka Lappi. Dopo un inizio promettente, il finlandese della Citroen ha rotto la sospensione anteriore sinistra nella SS6, costrigendolo al ritiro. Stessa sorte nella stessa speciale anche per Pontus Tidemand, alla sua gara di debutto con una WRC Plus. Questi due si uniscono quindi a Teemu Suninen, che ha dato forfait ieri dopo essere stato colpito da Kalle Rovanpera mentre era fuori pista.

Parlando della WRC2, il pilota della M-Sport Gus Greensmith conduce nella classe Pro con il nono posto generale. Dietro di 6 secondi troviamo il pilota Citroen Yoann Bonato (leader WRC2), più indietro abbiamo Sarrazin, Fourmaux e De Mevius mentre le Polo R5 arrancano. Riguardo agli italiani, Matteo Gamba è il migliore in classifica (19° con la Fiesta R5) dopo che tanti problemi hanno incontrato alcuni dei nostri, come Mauro Miele e Andrea Nucita, costretti al ritiro.