WRC, Rally Turchia: OUT Neuville e Ogier, Tanak leader dopo un pazzo sabato!

Non ci crede nemmeno lui, eppure Ott Tanak è passato al comando del Rally Turchia dopo un sabato ad eliminazione! L’estone della Toyota, che sembrava essere destinato al compitino di portare a casa più punti possibili, ringrazia i ritiri di Thierry Neuville e Sébastien Ogier. Sia il belga che il transalpino hanno rotto la sospensione durante rispettivamente la SS8 e la SS11, abbandonando così il Rally Turchia da leader in classifica.

Ciò ha favorito Tanak che adesso sogna la terza vittoria consecutiva e il secondo posto nel mondiale. Grande chance anche per Toyota, che piazza anche Jari-Matti Latvala in seconda posizione e che può prendere la leadership nel costruttori ai danni di Hyundai. La casa sudcoreana può contare solo su Hayden Paddon, 3° a 1 minuto dalle due Yaris, e su Andreas Mikkelsen, 5° dopo che vari problemi meccanici gli minacciavano il ritiro.

Tra gli vari episodi va senza dubbio citato quello di Craig Breen. Nel corso delle speciali, la Citroen dell’irlandese ha preso fuoco e si è fermata subito tra la paura di pilota e navigatore. Fortunatamente sono rimasti illesi, mentre la causa del problema è ancora ignota. Di certo non è giornata per la Citroen, con il solo Khalid Al Qassimi che è lontanissimo dalle posizioni di vertice (17°).

In mezzo troviamo la Ford M-Sport di Teemu Suninen in quarta posizione e lontanissimo dal podio (3 minuti dal leader). 6° posto per la prima R5 in gara con Henning Solberg (non iscritto alla WRC2), a seguire Elfyn Evans per la settima posizione. Chiudono la top 10 le WRC2, con Jan Kopecky e la Skoda leader nella classe davanti a Simone Tempestini (Citroen) e Chris Ingram.